Toscana Rosso IGT “Sammarco” 1996 – Castello dei Rampolla

73,00

Profumo ampio e ricco di aromi di frutti a bacca scura, frutta matura, prugne , visciole e spezie.  Al palato risulta caldo e morbido ma con tannini robusti che emergono dalla grande struttura che lo distingue. Vino elegante e raffinato dal finale lungo e speziato.

Fotografia puramente esplicativa

 

 

 

 

 

Condividi

Descrizione

Il Toscana Rosso IGT “Sammarco” Castello dei Rampolla è prodotto con Cabernet Sauvignon a cui vengono aggiunte percentuali di Sangiovese e Merlot.

La vendemmia è manuale e le fermentazioni si svolgono in tini di cemento con utilizzo di soli lieviti indigeni. Il vino riposa poi in tonneaux di rovere francese non tostati e di media tostatura o in botte da 12 ettolitri, per circa 18 mesi e termina il lungo processo d’affinamento con 24-30 mesi in bottiglia.

Il terreno su cui sorge l’Azienda Agricola Castello dei Rampolla è di proprietà della famiglia dal 1739 e la sua storia inizia a metà degli anni sessanta con il sogno di un uomo, Alceo di Napoli Rampolla. Dopo alcuni anni di produzione arrivano i primi imbottigliamenti con la vendemmia del 1975. E’ un Chianti Classico, in un periodo in cui il Chianti Classico stenta ad affermarsi e a guadagnare la stima che merita. Alceo ha quindi una intuizione, e decide, insieme all’aiuto del grande enologo Giacomo Tachis, di essere il primo nell’area a piantare il Cabernet Sauvignon, e di tagliarlo con il Sangiovese. Avviene così in azienda, a pochi anni dalla sua nascita, la prima rivoluzione.

Il filo conduttore nella storia dell’azienda è la ricerca. Da quando negli anni settanta Alceo ha introdotto vitigni “inusuali” per l’epoca a quando nel 2010 Luca e Maurizia hanno fatto il primo vino senza solfiti. Ormai da vent’anni l’azienda ha scelto l’agricoltura e la filosofia biodinamica*, perché, per lavorare con la natura, conviene prendere il tempo per osservarla. Il cosiddetto terroir altro non è che l’unione e la sintonia di quattro elementi: la terra, l’aria, la vite e l’uomo.

 

 

Ti potrebbe interessare…