Arbis Blanc Venezia Giulia IGT 2018 Borgo San Daniele

23,00

Vino dal colore giallo paglierino. Al naso arrivano le piacevoli note varietali unite a profumi più complessi di fiori di campo ed erbe aromatiche, per finire con toni che ricordano il miele d’acacia. Ricco di struttura e concentrazione, ma dotato anche di grandissima bevibilità. Vino di ottimo volume e morbidezza, grazie alla sua caratteristica burrosità che unisce anche un forte carattere minerale.

Fotografia puramente esplicativa.

Condividi

Descrizione

L’ Arbis Blanc Venezia Giulia IGT  Borgo San Daniele ci racconta il perfetto incontro tra Sauvignon, Chardonnay, Pinot Bianco e Friulano.  Arbis: un nome antico per un vino giovane che parla di fiori ed erbe aromatiche. In friulano il suo nome significa erbe ed è il modo più semplice ed immediato per raccontare di come viene prodotto, su terreni lasciati inerbiti con erbe spontanee che vengono periodicamente sfalciati. È infatti con l’inerbimento che si riescono a mitigare gli effetti della monocultura, ormai tipica dei vigneti specializzati moderni.

La vendemmia si differenzia per vitigno e le uve vengono vinificate separatamente, ma ancora mosto completano la fermentazione assieme. Nasce così un vino ben legato ed equilibrato.

Nel 1990 i fratelli Alessandra e Mauro Mauri hanno ereditato dal nonno i terreni agricoli di Borgo San Daniele. La passione e l’entusiasmo li hanno sempre guidati nelle scelte vitivinicole. Mauro segue la produzione dalla vigna alla cantina, mentre Alessandra cura l’amministrazione e la comunicazione. Il loro amore per questo territorio li ha spinti a creare una cantina davvero unica con la filosofia di produrre un numero limitato di etichette e diminuire l’impatto ambientale delle coltivazioni sul territorio. I loro vini parlano di una viticoltura rispettosa dell’ambiente e di un modo personale di interpretare i vitigni autoctoni friulani.  Infatti l’azienda finanzia e partecipa a un progetto sui Colli Orientali del Friuli per evitare l’uso di insetticidi di sintesi, antibotritici.  Inoltre, i vigneti sono coltivati in zone particolarmente vocate seguendo le pratiche della biodinamica ponendo massima attenzione alla posizione, all’orientamento e all’altitudine di ciascuno.

Ti potrebbe interessare…